Conversazioni torinesi con Guido Saracco

https://www.youtube.com/watch?v=TIKnJquJzJw Terzo incontro del ciclo “Conversazioni torinesi” In vista delle Elezioni Comunali del 2021 Con Guido Saracco, rettore del Politecnico di Torino Lunedì 2 Novembre, ore 20:45 Online sui canali Facebook e YouTube della Fondazione Benvenuti in Italia Lunedì 2 novembre si terrà il terzo appuntamento del ciclo “Conversazioni torinesi” che la Fondazione Benvenuti in Italia sta dedicando al futuro di Torino, in vista dell’elezione del nuovo Sindaco nel 2021. Ospite dell’incontro sarà Guido Saracco, rettore del Politecnico di Torino, in dialogo con Davide Mattiello, presidente della Fondazione Benvenuti in Italia, Diego Sarno, Consigliere Regionale, Andrea Sacco, Cooperativa Nanà e Maria Josè Fava, referente di Libera Piemonte. Il ...


Caro Valentino, da Torino si vede il mare

Caro Valentino*, il confronto di ieri sera sul futuro di Torino è stato elettrizzante: come una benefica scossa che accelera pensieri e volontà. Amiamo Torino e abbiamo cominciato a viverla da cittadini proprio con te Sindaco e se siamo diventati quello che siamo oggi lo dobbiamo molto a quella Città “abilitante” nella quale siamo cresciuti. Certo, come hai detto tu, il contesto di allora è radicalmente diverso da quello di oggi e le sfide sono tali se sanno cogliere il futuro che si annida nel presente e sanno farlo dischiudere. Sicuramente a Torino serve più lavoro e lavoro migliore perché c’è troppa gente, soprattutto ...


Covid 19 – Mafie: ormai il “Re” è nudo

Tra furbastri e distratti vince la mafia, ma ormai il “Re” è nudo e chi non coglie l’occasione rischia di essere complice. Mi spiego. La situazione vede da un lato schierate le mafie pronte a fare affari sfruttando l’emergenza COVID-19, dall’altro schierati gli imprenditori che per ripartire hanno bisogno degli aiuti di Stato e ne hanno bisogno al più presto, diversamente la tentazione di cedere alle lusinghe del denaro criminale sarà per molti irresistibile. Di fronte a questo tema il dibattito pare polarizzato tra chi, come Forza Italia (!), dice (tenetevi forte!): sostituiamo le procedure antimafia e antiriciclaggio con autocertificazioni e ...


Investimenti tagliati: scarcerazione dei mafiosi solo ultima spia

Magistrati di Sorveglianza e Agenti della Penitenziaria come i Medici ed gli Infermieri, carceri e ospedali pagano lo stesso male: investimenti tagliati o sprecati. Così si rischia di correre ai ripari malamente e la storia dei “mafiosi scarcerati” per il Corona-virus è soltanto l’ultima spia. Mi spiego. Abbiamo imparato a chiamare i medici “eroi”, soltanto per carità di patria, per non alimentare polemiche in un momento drammatico, ma è sempre più chiaro che si scrive “eroe” e si legge: condizioni insostenibili dovute alla inadeguatezza colpevole del sistema sanitario. Ora infuria la polemica sulle decisioni della Magistratura di Sorveglianza che manda ai ...


Sguardo sulla Siria

Cosa sta succedendo nel Nord della Siria? Quali sono i motivi politici, sociali, economici e culturali di questa guerra che ci riguarda tutti? Ne abbiamo parlato venerdì 18 ottobre a Torino, al Polo del 900 con - Murat Cinar (Giornalista per Pressenza) - Claudio Vercelli (Storico contemporaneista e saggista) - Davide Mattiello (Collettivo ISAGOR - "La Repubblica d'Europa") https://www.youtube.com/watch?v=ytHMp4xXPt4


Carlo Palermo racconta 50 anni di misteri irrisolti

  https://www.youtube.com/watch?v=B7krP8AzCVg&fbclid=IwAR2U_2-5Q44QQJY_2AxBsX2H5wh5nAW9NlX2dxPGAdsLJjZv_Lg8Hc-vNYo È disponibile online l’intervista inedita all’ex giudice istruttore di Trento che ha messo in luce il legame tra le mafie internazionali, la politica e i poteri occulti che governano il mondo È disponibile online l’intervista inedita condotta dal nostro presidente, Davide Mattiello, a Carlo Palermo - ex giudice istruttore del tribunale di Trento. Un documento unico: due ore di intervista in cui Palermo ripercorre l’intreccio delle vicende criminali, politiche e occulte che hanno caratterizzato la storia d’Italia e del mondo negli ultimi 50 anni. Un unico filo rosso lega, infatti, la mafia turca a quella siciliana, fino ai “lupi grigi” e all’attentato a Papa Giovanni Paolo II: una trama oscura che il giudice ha cercato di mettere in luce nel corso della sua lunga carriera. Nell’aprile del ...


Bruno Caccia e il futuro della democrazia

Un breve saggio di Davide Mattiello sulle Mafie al nord con la ricostruzione degli ultimi trent'anni della storia d'Italia. Una storia che si intreccia con Cosa Nostra, Stidda, ‘ndrangheta, Camorra, ma anche con la guerra fredda e Giulio Andreotti, fino alla nascita di Forza Italia. E poi il giudice Carlo Palermo che sposta il teatro della narrazione fino in Turchia e il procuratore Bruno Caccia, che lo riporta drammaticamente in Italia e per la cui morte chiediamo ancora verità e giustizia. 1. Come ci sono arrivate le Mafie al nord? Se per “mafie” intendiamo le tradizionali organizzazioni mafiose che abbiamo imparato a conoscere ...


Per il futuro di SMAT

  Sabato 8 giugno abbiamo partecipato alla conferenza di produzione di SMAT con i nostri Davide Mattiello, presidente di Benvenuti in Italia e Diego Sarno, neo eletto alla Regione Piemonte. Perchè l'acqua pubblica è un bene comune che ha a che fare con la tutela ambientale, la salute, i diritti dei lavoratori e tanto altro. https://www.youtube.com/watch?v=7Ejj_np9uM8&feature=youtu.be


Carlo Palermo. “La Bestia”

Presentazione del libro: La Bestia Dai misteri d'Italia ai poteri massonici che dirigono il nuovo ordine mondiale Un libro di Carlo Palermo, l'ex magistrato scampato all'attentato mafioso del 2 aprile 1985 Giovedì 7 marzo alle ore 18,00 la libreria Binaria di via Sestriere 34 a Torino ospiterà Carlo Palermo, il magistrato che nell'aprile del 1985 si era miracolosamente salvato dall’attentato a mafioso di Pizzolungo, in provincia di Trapani. Nello scoppio della bomba  che avrebbe dovuto ucciderlo, erano morirono invece Barbara Rizzo e i suoi due figli, Salvatore e Giuseppe Asta. Intervistato da Davide Mattiello, ex deputato e presidente della Fondazione Benvenuti in Italia, Palermo ripercorrerà ...


Sì a un Piemonte senza Mafia e corruzione!

Il manifesto promosso da Sergio Chiamaparino è un’ottima piattaforma dalla quale partire per articolare il futuro che vogliamo per il nostro Piemonte. C’è un “Sì” che sta tra le pieghe del manifesto, che è bene far sbocciare in tutta evidenza: “SI” ad un Piemonte senza mafia e corruzione! Perché mafia e corruzione sono ancora il principale fattore di diseguaglianza sociale nel nostro Paese e purtroppo le più recenti inchieste (da Barbarossa a Geenna, passando per Sanitopoli) dimostrano che sono attuali il rischio e il danno anche per il nostro territorio. Cosa può fare la Regione per realizzare questo “SI”? Dare impulso all’utilizzo ...