21 Ottobre 2019

Sicurezza scolastica: intervista ad Agostino Miozzo

La Fondazione Benvenuti in Italia e il dipartimento della protezione civile hanno firmato un protocollo di collaborazione in tema di cultura della sicurezza scolastica. Il protocollo, della validità di tre anni, si pone come obiettivo l’avvio di percorsi di sensibilizzazione, formazione e informazione su tale tema, con specifica attenzione rispetto alla sicurezza degli edifici e alla prevenzione dei rischi.

Il protocollo rappresenta la volontà comune di mettere a disposizione i propri canali di comunicazione e competenze al fine di diffondere valori e buone pratiche, sulla base di cooperazione e co-progettazione di lungo respiro.

Abbiamo dunque chiesto al Direttore del Dipartimento della Protezione Civile, Agostino Miozzo, di raccontarci il senso e le potenzialità di questo accordo.

Dottor Miozzo, la Fondazione Benvenuti in Italia e il Dipartimento della Protezione civile hanno messo a punto un Protocollo di collaborazione in tema di cultura della sicurezza. In che modo la sicurezza delle scuole è oggi un obiettivo comune da perseguire? Quali possono essere i profili di collaborazione tra enti pubblici
e privati?
Il Protocollo d’Intesa firmato tra il Dipartimento della Protezione civile e la Fondazione Benvenuti in Italia ha un’importanza rilevante per il rafforzamento delle attività di sensibilizzazione, formazione e informazione in tema di cultura della sicurezza in ambito scolastico.
Grazie a questo Protocollo si avvia una fondamentale sinergia per la realizzazione di iniziative di carattere formativo ed educativo in tema di sicurezza, con particolare riguardo alla necessità di contribuire concretamente alla formazione dei giovani quali
cittadini consapevoli. Si parte dalle scuole affinché i ragazzi portino nelle famiglie la cultura della prevenzione. La missione fondamentale della scuola è formare cittadini responsabili. La salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro sono temi determinanti, su cui gli studenti devono maturare una consapevolezza massima, quale che sia il ruolo che andranno a occupare nella società di domani. Proprio in quest’ottica è stato è stato sottoscritto il 15 novembre 2018 un Protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Dipartimento della Protezione civile, per promuovere la conoscenza sui rischi del territorio e sui temi della prevenzione, della gestione e del superamento delle emergenze e della diffusione della cultura e delle buone pratiche di Protezione civile.

 

Cosa ha spinto la Protezione Civile a firmare questo protocollo? Quali sono gli altri protocolli simili da voi siglati?
La Protezione civile è una grande famiglia, costituita dalle istituzioni, dagli ordini professionali, dalla comunità scientifica, dalle associazioni e dalla comunità dei cittadini: tutti noi siamo la Protezione civile.
Il nostro obiettivo è implementare in maniera sempre più efficace la cultura di protezione civile e le buone pratiche che di pari passo con la conoscenza dei rischi possono veramente creare un effetto virtuoso che porti a diminuire sempre più danni a persone e cose dopo le catastrofi naturali e non solo. In quest’ottica, con direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri, è stata istituita la Settimana nazionale della protezione civile, per promuovere tra i cittadini l’adozione di comportamenti consapevoli e di misure di autoprotezione, nonché favorire l’informazione alle popolazioni sugli scenari di rischio, le buone pratiche da adottare e la conoscenza sulla moderna pianificazione di protezione civile attraverso iniziative di informazione e comunicazione volte anche a sensibilizzare l’opinione pubblica, ed in particolare i giovani, sui temi della cultura di protezione civile e della resilienza. Sono stati dedicati sette giorni alla Protezione civile, dal 13 al 19 ottobre 2019, con iniziative organizzate a livello locale da Regioni, Comuni, Centri di competenza, strutture operative, ordini professionali e associazioni di volontariato di protezione civile e non che hanno visto, in particolare, la partecipazione e il coinvolgimento delle istituzioni scolastiche.

 

In che modo saranno portate avanti le azioni in merito alla sicurezza previste dal protocollo? Avete in mente una prima azione congiunta da portare avanti?
Il nostro obiettivo è implementare queste iniziative non solo nell’ambito della settimana della Protezione civile e, con la Fondazione Benvenuti in Italia, possiamo unire le nostre forze per una comune condivisione di percorsi formativi dedicati alle istituzioni scolastiche, valorizzando le attività già in atto.
Non c’è opera più grande di quella di garantire la sicurezza ai nostri figli e la serenità ai genitori.