16 luglio 2013

Edilizia scolastica 3

tre

8×1000 e edilizia scolastica: ci siamo! All’interno del ‘Decreto del fare’ verrà presentato l’emendamento per cui una parte dell’8×1000  allo Stato potrà essere destinato all’edilizia scolastica.

‘8×1000 mandalo a scuola’ è la nostra prima campagna nazionale, e adesso che siamo vicini all’approdo in Aula abbiamo chiesto un parere a Marco Rossi Doria (Sottosegretario all’Istruzione), a Maino Marchi (Componente V Commissione Cultura, scienza e istruzione), e a Maria Coscia (Componente della VII Commissione – Cultura, scienza e istruzione)

 Marco Rossi Doria: “Sappiamo che l’edilizia scolastica è una delle grandi emergenze nazionali ed il Ministro Carrozza ha annunciato fin da subito, presentando le linee programmatiche del Miur alle Camere, che rientra tra le priorità del nostro mandato. Per questo ogni iniziativa volta ad aumentare l’attenzione e le risorse sul tema è benvenuta. Trovo la proposta dell’8xmille una buona idea. Naturalmente occorre che le Camere si esprimano in merito. Se la maggioranza del Parlamento si esprimerà a favore della proposta e vi saranno i requisiti di fattibilità, sono fiducioso che l’idea potrà avere un seguito”.

Maino Marchi: “Io sono d’accordo, lo trovo un buon provvedimento, anche se faccio due annotazioni; la prima è che purtroppo la stessa torta, ovvero la quota di 8×1000 che può essere destinata allo Stato Italiano, viene così divisa in più fette. E’ sempre la stessa torta, però. Il fondo complessivo è costituito da pochi denari, ed non si può pensare che un problema come quello dell’edilizia scolastica possa essere risolto con questo provvedimento. Fatte queste premesse, ritengo questo provvedimento giusto ed equilibrato.

 

Maria Coscia: “Ho sostenuto da subito la proposta dell’Onorevole Mattiello, la trovo una proposta interessante e mi auguro che venga approvata: naturalmente non so se questo avverrà, ma spero proprio che venga presa seriamente in esame ed approvata”