5 settembre 2011

Un anno fa moriva Angelo Vassallo

Un anno fa veniva ucciso barbaramente a Pollica Angelo Vassallo, “un uomo straordinario che ha reso il suo Comune un esempio di eccellenza in Italia, donando un grande esempio di coraggio e giustizia non piegandosi a nessun compromesso e difendendo la sua terra dalla cementificazione e da ogni forma di illegalità” (Fondazione Angelo Vassallo)

Il 5 settembre del 2010 il sindaco di Pollica veniva ucciso a colpi di pistola. Tante le piste seguite dagli inquirenti: dal business dell’edilizia al traffico di droga. Ma per ora il killer non ha un nome. Il fratello della vittima: “E’ un boccone amaro”

“E’ passato un anno ma ancora non abbiamo il nome di chi ha causato la tragedia. Non solo per noi, ma per tutta l’Italia. E’ difficile da mandare giù questo rospo. E’ un boccone amaro, ma abbiamo fiducia nella magistratura. Credo che la soluzione sia molto più complessa di quanto sembri”. A parlare è il fratello di Angelo Vassallo, il sindaco di Pollica ucciso il 5 settembre del 2010 a colpi di pistola mentre faceva ritorno a casa, poco dopo le dieci di sera. Ad un anno dall’omicidio, infatti, ancora non ci sono i nomi di chi ha armato e ha premuto il grilletto della calibro 9 che ha stroncato la vita del “sindaco pescatore“, così era stato soprannominato per il suo essere sempre in prima linea nel Cilento per la difesa del territorio e la crescita di una cultura ambientalista.

Sono tante le piste battute in questi dodici mesi dalla Procura di Salerno, diretta da Franco Roberti. Dal business dell’edilizia, un affare divenuto d’oro in un territorio come quello di Pollica, da anni al vertice delle graduatorie delle località di mare più belle d’Italia, al traffico di droga, altro affare “in crescita” e i cui pericoli erano stati stigmatizzati proprio da Vassallo, che aveva deciso di combatterli rischiando anche in prima persona. Nessuna pista, però, al momento ha dato dei risultati.

La fondazione “Angelo Vassallo”, di cui il fratello Dario è presidente, ha organizzato per i prossimi tre giorni, dal 3 al 6 settembre, una serie di iniziative per ricordare la figura del sindaco. La fondazione ‘Angelo Vassallo sindaco pescatore’, creata dal fratello Dario Vassallo e alla quale partecipa anche Antonio, mantiene viva la memoria di Vassallo e si impegna a continuare le sue opere relative alla tutela dell’ambiente e della legalita’, con finalita’ sociali e di ecosviluppo: borse di studio per gli alunni piu’ meritevoli, pulizia delle spiagge, giornate di discussione e confronto su diversi temi, legalita’, medicina, ma anche attivita’ e spettacoli culturali itineranti nel Cilento, il tutto nel nome di Angelo Vassallo.

“La sua e’ una figura particolare – afferma Antonio – e tra le tante cose dette su di lui ci sono ancora aspetti non venuti alla luce”. Svelarli sara’ compito del libro ‘Il sindaco pescatore’, scritto a quattro mani dal fratello di Angelo Vassallo, Dario, presidente della Fondazione e Nello Governato, che sara’ presentato il 5 settembre ad Acciaroli, una delle due frazioni del comune di Pollica che si affacciano sul mare del Cilento. “Dentro ci sono le sue opere, le sue battaglie, tutti gli schiaffi in faccia che ha preso”, racconta il figlio Antonio, che aggiunge: “Quello che ha fatto e’ qui, presente, lo possiamo vedere intorno a noi. Io e tutti i miei familiari siamo orgogliosissimi di tutto quello che ha fatto. Forse, vivendolo ogni giorno, neanche noi ci eravamo mai accorti di quanto fosse grande, di quanto era riuscito a fare per noi“.