8 July 2016

MIL€X – osservatorio per le spese militari

MILEX

 

Aderiamo e sosteniamo il progetto di “MIL€X – osservatorio per le spese militari“, riportando di seguito un estratto della descrizione del progetto.

 

“In Italia si spendono ogni ora 2,5 milioni di euro per le forze armate. Mezzo milione all’ora solo per l’acquisto di nuovi armamenti: missili, bombe, blindati, cacciabombardieri, navi da guerra. Acquisti finanziati in gran parte non con fondi della Difesa, ma con quelli destinati allo sviluppo economico del Paese, i tre quarti dei quali finiscono così a sostegno dell’industria bellica nazionale, penalizzando altri settori industriali. Strumenti militari costosissimi destinati a rimanere inutilizzati per mancanza dei fondi necessari alla loro manutenzione ordinaria e addirittura al loro uso, per cui si ricorre ai fondi per le missioni all’estero, generando un inquietante meccanismo di mezzi che giustificano il fine dell’impegno bellico. Mezzi che, salvo qualche raro utilizzo giustificatorio in missione, finiscono cannibalizzati per i pezzi di ricambio o ad arrugginire in qualche deposito (il gigantesco cimitero di cari armati di Lenta, nel Vercellese, è l’emblema di tutto questo). […]

MIL€X – Osservatorio sulle Spese Militari Italiane sarà uno strumento di monitoraggio indipendente ispirato ai principi di obiettività scientifica e neutralità politica. MIL€X non è un progetto pregiudizialmente antimilitarista e non si oppone in maniera ideologica alle spese militari, riconoscendo l’esigenza di mantenere efficienti e moderne le nostre forze armate. Il progetto mira tuttavia a rendere trasparenti queste spese, analizzandone in maniera obiettiva gli aspetti critici inerenti alla loro razionalità, utilità e sostenibilità, in particolare per quanto concerne i programmi di acquisizione di armamenti. Il problema non è l’acquisto di nuovi aerei, nuovi carri armati e nuove navi da guerra, ma modalità e criteri con cui tali acquisti vengono fatti, a partire dalla necessità di una corretta e completa informazione al Parlamento su caratteristiche tecniche e costi dell’armamento richiesto, effettiva necessità operativa in termini di idoneità del mezzo e di quantità richieste, possibili alternative valutabili, sostenibilità logistica del programma nel lungo periodo, ecc.

MIL€X svolgerà un servizio pubblico di raccolta, analisi e diffusione di dati e informazioni (notizie esclusive, inchieste, studi, documenti ufficiali, database, analisi dati e fact checking) per contribuire ad accrescere la consapevolezza dei cittadini, dei loro rappresentanti nelle istituzioni, degli operatori dell’informazione e degli attivisti sociali, in modo da rendere possibile un cosciente e informato controllo democratico su una delle più ingenti e politicamente significative voci di spesa pubblica.

Il primo passo per l’avvio di questo progetto è un approfondito lavoro di ricerca e analisi che confluirà nel Primo Rapporto Annuale MIL€X sulle Spese Militari Italiane (pubblicazione prevista per novembre 2016): un testo di agevole lettura, ricco di notizie inedite e curiosità, di dati e statistiche, nel quale sarà presentata un’analisi critica e obiettiva della spesa militare italiana.”

Per sostenere il progetto, è stata lanciata una campagna di crowdfunding su Eppela (CLICCA QUI) alla quale potrete contribuire con donazioni di diversa entità (25€, 50€, 100€ e 500€), in virtù delle quali riceverete come ricompensa copie digitali o cartacee del rapporto stesso.

In alternativa si può fare una donazione al Movimento Nonviolento che collabora con il progetto (Iban: IT35U0760111700000018745455, causale: donazione/erogazione liberale per Progetto Osservatorio spese militari)

Il progetto verrà avviato solo se al termine della campagna di crowdfunding, che durerà 40 giorni (fino al 7 agosto) sarà stata raggiunta la cifra prestabilita (17.000 €), altrimenti la vostra donazione sarà riaccreditata sulla vostra carta di credito.