Nobel per la Pace 2015

    di Camilla Cupelli   Il Nobel per la Pace per l’anno 2015 è stato conferito al Quartetto del Dialogo nazionale tunisino. La notizia è di oggi: il Nobel viene assegnato a esponenti della società civile che hanno contribuito a costruire il processo democratico in Tunisia, dopo la Rivoluzione dei Gelsomini del 2011. Il quartetto, creatosi nel 2013, riunisce più gruppi che hanno svolto un ruolo di mediatori dopo la primavera araba. Le organizzazioni di cui è composto sono il sindacato generale tunisino (UGTT, Union Générale Tunisienne du Travail), la confederazione industriale e del commercio (UTICA, Union Tunisienne de l’Industrie, du Commerce et de ...


Ricordando Belaïd

Sono passati 6 mesi esatti dal giorno in cui Chokri Belaïd venne ucciso. Nel ricordare la sua scomparsa,  chiediamo a Diego Montemagno, che recentemente ha partecipato al World Social Forum in Tunisia,  una riflessione su quanto è accaduto e su quali prospettive può avere questo Paese così tormentato da lacerazioni interne che ne compromettono la stabilità politica e sociale. 6 mesi fa veniva ucciso Belaid: sei stato in Tunisia per il WSF, poco tempo fa: che riflessione ti senti di fare riguardo a questo paese così tormentato? L'omicidio di Belaid, come quello del costituente Mohamed Brahmi, dimostrano quanta strada debba fare la libertà ...


Registi tunisini

Quattro giovani registi tunisini cercano di ricostruire la storia dei loro conterranei scomparsi in Italia tra il marzo e il maggio del 2011. Un viaggio nel nostro Paese che diventa una scoperta di se stessi e delle vite dei migranti.  L’articolo è stato scritto da un collega free-lance che è attualmente in Libia. di Andrea de Georgio Quattro cineasti tunisini. Un tecnico del suono, un operatore, un direttore della fotografia e un regista. Quattro ragazzi fra i 25 e i 28 anni, in viaggio per l’Italia. Non sono clandestini ma si autodefiniscono migranti. Come le centinaia di giovani tunisini che sono scomparsi fra marzo e maggio 2011navigando ...


LasciateCIEntrare

di Cupelli Camilla   Il primo aprile dello scorso anno una circolare del Ministro Maroni aveva segnalato la chiusura dei CIE e dei CARA ai giornalisti: considerati “d’impedimento” per lo svolgimento delle attività di supporto ai migranti svolte all’interno dei Centri, ai cittadini è stato così vietato completamente l’ingresso. Niente più foto, niente più video, niente più interviste. Da allora sono state promosse diverse iniziative, la prima il 25 luglio dello scorso anno, per chiedere la revoca della decisione: “LasciateCIEntrare” è il nome della campagna che venne lanciata al fine di riappropriarsi della possibilità di narrare gli avvenimenti interni a CIE e ...


Fuochi!

  Difficile scrivere qualcosa di sensato quando una madre si dà fuoco e altre due tentano il suicido. E’ accaduto a Tunisi in questi giorni. Dopo il gesto di Jannet Rhimi, da giovedì ricoverata all’ospedale per le ustioni riportate, altre due madri hanno agito sul proprio corpo l’esasperazione di più di un anno di attesa. Certo, c’è il dolore per i propri figli scomparsi, ma di fronte a gesti così estremi dovremmo chiederci tutte e tutti che cosa stia avvenendo e come sia possibile fare insieme qualcosa affinché non siano i corpi di queste madri a bruciare per poter ancora parlare. Anche ...


Mediterranea

Il Comitato di Vigilanza per la Democrazia in Tunisia (CVDTunisia) sostiene la missione “Benveunuti in Palestina 2012”. Sosteniamo il diritto dei Palestinesi di ricevere visitatori ed il nostro diritto di circolare liberamente in Cisgiordania, a Gerusalemme e a Gaza. I Palestinesi hanno il diritto, come tutti gli altri popoli, ad un’educazione di qualità, un’educazione che gli permetterà di garantire, in un prossimo futuro, la presenza di cittadini qualificati.  Il CVDTunisia sostiene l’iniziativa di costruire le quattro scuole per i giovanni palestinesi a Betlemme. Una scuola materna, una scuola primaria, il collegio e la scuola alberghiera.Il CVDTunisia fa appello ai governi europei ...


Mediterranea: ONU e 8marzo

L'Alto commissario Onu delle Nazioni Unite per i diritti umani, Navi Pillay ha esortato oggi alla vigilanza contro ogni eventuale passo indietro per i diritti delle donne in Egitto e in Tunisia.In occasione della giornata internazionale delle donne dell'8 marzo, l'Alto commissario Pillay ha reso omaggio 'alle donne del Medio Oriente e del Nord Africa e a tutte le donne del mondo che corrono rischi importanti per difendere e combattere per la dignita', la giustizia e i diritti umani'. Per l'Alto commissario, l'euforia in Egitto e in Tunisia 'e' stata condivisa da uomini e donne di tutto il mondo. Questi ...


A un anno dalla primavera araba: il convegno

Giovedì 1 marzo a Torino, presso il Circolo dei Lettori, ha avuto luogo il convegno internazionale “A un anno dalla Primavera Araba. La transizione difficile”, promosso da CIPMO - Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente e Paralleli – Istituto Euromediterraneo del Nord-Ovest, in collaborazione con il Forum per i problemi della pace e della guerra di Firenze. Sono intervenuti tra gli altri: Renzo Guolo, Professore di Sociologia dei Processi culturali all’Università degli Studi di Padova, Heliodoro Temprano Arroyo, Capo dell’Unità Assistenza Finanziaria per i Paesi del Vicinato, Direzione Generale Affari Economici e Finanziari della Commissione Europea, Khalil el-Anani, Ricercatore in Politiche del Medio ...


L’Italia dei CIE

  di Cupelli Camilla pubblicato su Acmos.net Diciottomilacinquantotto. Questo è il numero delle persone morte nel tentativo di raggiungere clandestinamente l'Europa. Un numero impressionante riferito al periodo che va dal 1988 ad oggi. Dati che ne dipingono la tragedia che  solo il 2011 ha fatto registrare 2000 vittime.   Migliaia e migliaia di migranti tentano ogni anno di espugnare la fortezza d’Europa, alla ricerca di una prospettiva migliore, rischiando la vita. In Italia solo nell’ultimo anno si calcola siano circa 60.000 gli stranieri che sono sbarcati sui nostri lidi. Nel nostro Paese gli stranieri sprovvisti di permesso di soggiorno vengono messi nei CIE, Centri di Identificazione ed Espulsione (ex ...


L’articolo de La Stampa sulla smartmob ‘Capovolgere il mondo per ridisegnarlo’

  CLICCATE QUI per vedere l'articolo che la Stampa ha dedicato alla Smartmob di ieri.   Buona lettura!