Mauro Esposito: ho denunciato la ’ndrangheta

Mauro Esposito, architetto di Caselle, ha denunciato la ‘ndrangheta. I soggetti indicati alle forze dell’ordine sono ancora oggi  a processo, a seguito dell’operazione San Michele. Ma il calvario dell’architetto Esposito non è terminato con minacce della ‘ndrangheta, ma continua con le richieste dello Stato che non tiene conto dell’importante azione fatta da quest’uomo: la denuncia, appunto. Oggi Mauro Esposito ha organizzato una conferenza stampa per raccontare la sua storia ed ha annunciato che inizierà uno sciopero della fame, se non arriveranno risposte dallo Stato. L’iniziativa è stata appoggiata da Pino Masciari, testimone di Giustizia; dai parlamentari della Commissione Antimafia Davide Mattiello e Stefano ...


Di ‘ndrangheta a Torino

  Davide Mattiello: Caro Roberto, può anche darsi che, come dici tu, la 'ndrangheta consideri Torino come propria terra di conquista: ma si sbaglia! Torino non ha rimosso la memoria di Bruno Caccia, ucciso dalla 'ndrangheta il 26 Giugno del 1983, dedicandogli il nuovo Tribunale, ma soprattutto non smettendo di indagare accanitamente la realtà, tanto è vero che nel Dicembre 2015 è stato arrestato a Torino, con una brillante operazione della Squadra Mobile, Schirripa presunto autore materiale del delitto e il 7 di Luglio a Milano si aprirà il processo. La cascina dei Belfiore, Domenico è l'unico condannato come mandante dell'omicidio, è ...


Svolta nel caso Caccia

  Dopo 32 anni è stato arrestato il presunto killer di Bruno Caccia, Procuratore capo della Repubblica di Torino ucciso nel 1983. Alle prime luci dell’alba di oggi, su impulso di un’inchiesta della Procura di Milano, è stato tratto in arresto Rocco Schirripa, uomo di ‘ndrangheta condannato nell’operazione Minotauro a 1 anno e 8 mesi perché affiliato con la dote di trequartino. Da anni la famiglia chiede che si faccia piena luce attorno al caso, che ad oggi vede come unico responsabile Domenico Belfiore, capo della ‘ndrangheta torinese negli anni ’80, condannato all’ergastolo come unico mandante del delitto.   Libera Piemonte ha intervistato Paola Caccia, la figlia ...


Scorta revocata??

Dal 27 di marzo, Pino Masciari, imprenditore calabrese che ha denunciato la ‘ndrangheta diventando il più importante testimone di giustizia d’Italia, è senza scorta. Gli è stata notificata la revoca delle tutele di sicurezza, senza motivazione alcuna. Lo abbiamo intervistato per capire come stanno le cose e perché le Istituzioni non hanno motivato questa scelta.  


Progetto e-antiracket “Blu di metilene”

  Di seguito le linee guida del progetto (ancora in fase progettuale) antiracket 'Blu di metilene', una importante iniziativa progettata da Tiberio Bentivoglio ed Alfonso Russi, ex consulente tecnico della DDA di Catanzaro   Progetto e-antiracket “Blu di metilene”       I soggetti e le figure che hanno aderito al presente progetto e-antiracket sono:   Gruppo di coordinamento e progettazione -       Mario Gammarota (Multiverso Coworking Foligno) -       Andrea Baldoni (Social-APP Store) -       Stefano Rossi (Multiverso Coworking Foligno) -       Alfonso Russi (responsabile scientifico dell’Organismo di Ricerca Green Lab Srl di Bolzano) Associazioni/Enti aderenti all’iniziativa -       Libera Presidio di Foligno (referente: Filippo Gentili, coordinatore) -       Libera Presidio di Reggio Calabria (referente: Domenico Nasone) -       Casa dei Popoli (referente: ...


Mafie al nord

  Mafie al nord o mafie del nord? Dibattito pubblico a Nichelino sui temi dell'antimafia   Mafie al nord o mafie del nord? Con questo interrogativo si è chiuso l'incontro sulla presenza mafiosa nelle ragioni del nord Italia, organizzato dal Comune di Nichelino, l'associazione Polesani e la sezione soci Coop Di Nichelino. L'incontro ha riscosso un notevole successo tra la cittadinanza che per circa due ore, venerdì 11 ottobre, ha ascoltato l'ex procuratore capo di Torino, Gian Carlo Caselli, confrontarsi con Davide Mattiello - deputato e presidente del V comitato della Commissione Antimafia - e con la referente di Libera Piemonte, Maria Josè Fava. ...


UE Vs mafie

Sin dagli albori, l’Unione Europea ha cercato di influenzare le legislazioni penali degli Stati Membri, in particolare con la creazione del c.d. terzo pilastro (Trattato di Maastricht del 1992) e poi con il Trattato di Amsterdam del 1997 ove per la prima volta si fa esplicito riferimento alla necessità di raccordare le legislazione penali all’interno dell’Unione. Il crimine organizzato è sempre stata la materia centrale del processo di ravvicinamento poiché gli Stati hanno avvertito la forte necessità di un’azione comune per combattere un fenomeno che travalica i confini nazionali. D’altro canto, i tentativi di intervento degli Organi Europei sono sempre ...


La mafia NON è sexy

  Su Antimafia duemila appare un articolo di Petra Reski, che parla di come in Germania la mafia sia percepita (quando lo è) come una sorta di pittoresca 'abitudine' italiana, che nasce, vive e rimane nel nostro Paese. Lo pubblichiamo integralmente, e intanto chiediamo a tutti di di mandare, così come scrive Petra, una mail alla "casa delle culture del mondo" per spiegare cosa si pensa in Italia della propaganda per la mafia. Ecco l'indirizzo: info@hkw.de ________________________ Fonte: Antimafia duemila: La musica della mafia viene diffusa in Germania dal calabrese Francesco Sbano. Sulle sue attività propagandistiche ho scritto ripetutamente nei miei libri ed in vari articoli. Purtroppo la ...


Volevano ucciderlo

Da FanPage.it       La ‘ndrangheta voleva uccidere Giulio Cavalli non appena gli fosse stata tolta la scorta. E' quanto testimonia in esclusiva a Fanpage Luigi Bonaventura, pentito della cosca Vrenna-Bonaventura. Un pentito “pesante”, che grazie alla sua testimonianza ha portato all'arresto di oltre 130 membri di quella che è la più importante cosca di Crotone nel corso dell'operazione Heracles coordinata dal dott. Pierpaolo Bruni della DDA di Catanzaro. La sua ndrina opera da 60 anni sul territorio e, anche grazie ad alcuni matrimoni, domina il crotonese. Nel corso dell'intervista Bonaventura non ha mai perso il filo del discorso, ha sviscerato fatti ed ...


Domani l’anteprima di ‘Padroni delle nostre vite”!

Domani venerdì 27 aprile alle ore 10, presso il Liceo Einstein di Via Pacini 28 a Torino, andrà in scena   PADRONI DELLE NOSTRE VITE   una produzione teatrale  di Sciara Progetti in collaborazione con Studio Nois.     L'evento è organizzato dalla Fondazione Benvenuti in Italia con la collaborazione di Libera Piemonte, dell'Associazione ACMOS e del Liceo Albert Einstein di Torino, presso il quale verrà ospitato l'evento.   Essendo la messa in scena ospitata in un Liceo, non è possibile considerare questo evento come un evento pubblico vero e proprio, bensì come un'anteprima; pertanto, per maggiori informazioni o per prenotare un posto, si prega di telefonare al 393.91.44.469