Falcone, Pansa e il “gioco grande del potere”

Appunti dagli Stati Generali dell'Antimafia - Milano 23 e 24 dicembre 2017 Analisi di Davide Mattiello, deputato PD e membro delle Commissioni Giustizia e Antimafia   https://www.youtube.com/watch?v=8BSNZLSfGns&sns=fb La stagione stragista, che per me inizia il 21 Giugno del 1989 con il fallito attentato all’Addaura e finisce con il fallito attentato all’Olimpico di Roma a fine Gennaio del 1994, è stata l’ultima manifestazione eclatante di quello che Giovanni Falcone chiamava “il gioco grande del potere”, quello che ha a che fare con la tenuta del sistema stesso, con le “gambe del tavolo” insomma. Durante gli Stati generali dell’Antimafia svoltisi a Milano e voluti dal Ministro Orlando, ...


Testimoni di giustizia: la lettera a Grasso

Gentile Presidente Grasso, Gentili Senatori, vi scriviamo questa lettera nella consapevolezza che in questa fase finale di legislatura sono diversi i provvedimenti di cui viene richiesta l’approvazione. Tra questi, tuttavia, non possiamo non sottoporre alla Vostra attenzione, quello che a nostro giudizio è uno dei più importanti ovvero la proposta di legge di riforma della normativa in materia di testimoni di giustizia (PDL 3500, Bindi-Gaetti). Un tema sul quale anche la Commissione parlamentare antimafia ha redatto e approvato una specifica relazione, sulla quale l’Assemblea di Camera e Senato hanno da tempo espresso pieno consenso attraverso l’approvazione di appositi atti di indirizzo. Si tratta di un provvedimento ...


#adesso: approvare la riforma dei Testimoni di Giustizia

I testimoni di giustizia sono uno degli esempi più alti di valore civile della nostra Repubblica: sono cittadini con un alto senso dello Stato italiano che hanno denunciato mafiosi e corrotti caricando sulle proprie spalle l’onere di contribuire a cambiare in meglio il nostro Paese. Sono persone, famiglie, storie che diventano un simbolo di quella fedeltà alla Repubblica richiesta dall’articolo 54 della nostra Costituzione. Nel marzo di quest’anno la Camera dei deputati ha approvato all’unanimità la proposta di legge di riforma della normativa in materia di trattamento dei testimoni di giustizia (pdl 3500, Bindi-Gaetti): la riforma migliora sensibilmente la condizione di vita ...


Presentazione del rapporto sull’edilizia scolastica: il video

Lunedì 30 ottobre 2017 abbiamo aperto l'anno di Scuola di Politica con la presentazione del rapporto sull'edilizia scolastica della Commissione Cultura del Parlamento. Ne abbiamo parlato con l’on. Umberto D’Ottavio, parlamentare del PD e membro commissione Cultura; l’on. Davide Mattiello, deputato del PD e membro delle commissioni Giustizia e Antimafia; Cinzia Caggiano, madre di Vito Scafidi, giovane morto sotto il crollo del controsoffitto della sua classe a Rivoli nel 2008 e Gianmarco Nicita, segretario dei Giovani Democratici di Torino. Il video dell'incontro: https://www.youtube.com/watch?time_continue=20&v=Bv8-GkxIwzQ


Liberaidee: il Piemonte In Ascolto

Un grande progetto nazionale, partito nel novembre dello scorso anno, per promuove la responsabilità contro le mafie e la corruzione Libera promuove l’appuntamento di avvicinamento a Liberaidee, la nuova campagna di corresponsabilità contro le mafie e la corruzione che prenderà il via in primavera con un viaggio a tappe che attraverserà tutte le regioni d’Italia. Una campagna che coinvolgerà tutto lo stivale per indagare – attraverso incontri, dibattiti e approfondimenti – la percezione del fenomeno mafioso e corruttivo in Italia e di metterla a confronto con la situazione reale. “Il Piemonte in ascolto”, dal 6 al 22 novembre, porterà esperti del tema a ...


Davide Mattiello spiega la Riforma del Codice Antimafia

Sabato 14 ottobre 2017, Davide Mattiello - Relatore alla Camera dei Deputati della Riforma del Codice Antimafia, è intervenuto al Coordinamento di LIBERA Piemonte per illustrare i punti principali della Riforma. https://www.youtube.com/watch?v=w4XpxcIpSAs  


#adesso: la Riforma del Codice Antimafia

Il 25 settembre torna alla Camera la discussione sulla Riforma del Codice Antimafia che ci auguriamo sia approvata senza alcuna modifica rispetto al testo uscito dal Senato. Avevamo già spiegato in un articolo le ragioni che ci spingono a chiedere ai deputati di votare il provvedimento #adesso. Di seguito, invece, un'infografica esplicativa con i punti più importanti oggetto della Riforma che riguarda i beni confiscati e le misure di prevenzione patrimoniale. Relatore del provvedimento è Davide Matterello, nostro eletto in Parlamento e tra i fondatori della Fondazione Benvenuti in Italia, membro delle commissioni Giustizia e Antimafia. (Clicca sull'infografica per ingrandirla)


#adesso: approvare la riforma del Codice Antimafia

Torna in Aula alla Camera la riforma del Codice Antimafia nella parte che riguarda le misure di prevenzione patrimoniale e la confisca dei beni ai mafiosi. L’inizio della discussione è fissato per il 25 settembre e nei giorni successivi ci auguriamo che si arrivi all’approvazione definitiva in terza lettura: dopo essere stata approvata alla Camera nel novembre del 2015, infatti, la riforma si è poi arenata per due anni in Senato dove è stata votata nel luglio del 2017, subendo alcune modifiche. Risulta dunque urgente l’approvazione definitiva alla Camera del testo uscito dal Senato per non correre il rischio che ...


Benvenuti in italia: il racconto dell’anno

Abbiamo riassunto in questo video tutte le attività portate avanti dalla Fondazione Benvenuti in Italia nell'anno sociale 2016/2017: dalla Scuola di Politica "Renata Fonte", al costante lavoro di ricerca svolto dal nostro comitato scientifico e dall'impegno dei nostri rappresentanti nelle istituzioni, fino alla "Carovana delle arance frigie", passando per la sicurezza negli edifici scolastici. Arrivederci al prossimo anno! https://youtu.be/KxicBGOYmqA


Riforma del Codice Antimafia approvata in Senato

Una buona notizia che aspettavamo da tempo: oggi, 6 luglio 2017, la riforma del Codice Antimafia è passata al Senato con 129 sì, 56 no e 30 astenuti. Ora la riforma torna alla Camera in terza lettura perché riesamini le modifiche apportate al testo originario. Ma facciamo un passo indietro: la riforma del Codice Antimafia, nella parte che riguarda i beni confiscati e le misure di prevenzione patrimoniale, è frutto di una gestazione lunghissima che prese il via dalla la proposta di legge di iniziativa popolare 1138 (abbinata ai testi Gadda e Garavini), per la quale CGIL, Avviso Pubblico, ARCI, ...