Debito Vs Povertà: il video

L'attuale scenario economico impone scelte, spesso caratterizzate da tagli alla spesa, per affrontare le necessità dei cittadini.Torino, come altre città, ha deciso di non rispettare il patto di stabilità, gesto politico forte e deciso per garantire servizi essenziali della cittadinanza.Di questo, come di altri temi, abbiamo colloquiato con Mariagrazia Pellerino, assessore all'Istruzione ed Elide Tisi, assessore alle Politiche Sociali.


Edisu: continuano le proteste

di Camilla Cupelli pubblicato su Acmos.net “L’anno prossimo, se la situazione non cambia, dovrò tornare a casa - dice una studentessa che frequenta un corso di laurea magistrale - ho potuto studiare qui negli anni passati grazie alle borse di studio dell’Edisu: ma ora i soldi non ci sono più. Quest’anno riesco a terminarlo, ma l’anno prossimo chissà...”. E’ soltanto una delle molte voci disperate che si levano in questi giorni dagli studenti fuori sede dell’Ateneo torinese: in seguito ai tagli per l’istruzione, l’Ente per il Diritto allo Studio del Piemonte si è visto decurtare i bilanci annuali senza pietà da parte della Regione, e la situazione ...


Nominata la Commissione Antimafia anche a Chivasso

  Chiusa l'inchiesta Minotauro, dopo pochi giorni, a Chivasso si tenne il primo consiglio comunale. La prima seduta, quella di nomina del sindaco e della sua giunta. Non poteva essere un evento istituzionale come gli altri, visti i risvolti della più importante inchiesta piemontese che proprio a Chivasso – come in altri paesi del torinese - aveva individuato una locale. Uno dei suoi esponenti – almeno secondo le ricostruzioni della magistratura – aveva un ruolo di primo piano nella politica cittadina. Quel Bruno Trunfio, finito in manette per416 bis, figlio del capo 'ndrangheta cittadino, non poteva non scuotere l'opinione pubblica. Lui, coordinatore cittadino dell'Udc, in carcere ...


Babbo Natale per l’acqua pubblica: l’iniziativa.

Il Sindaco di questi tempi e' più impegnato di Babbo Natale:non ha un attimo di tempo per ricevere il popolo dell'acqua! Ma siccome anche Babbo Natale e' un acquaiolo, quest'anno tra i suoi mille giri riuscirà a passare a Palazzo di Città per consegnare lui stesso al Sindaco il suo regalo:1300 lettere,firmate dai cittadini,in cui gli si chiede di cancellare dalle nostre bollette dell’acqua la quota di remunerazione del capitale investito, cioè il profitto garantito per i Gestori del Servizio Idrico, e di presentare in Consiglio Comunale le delibere necessarie pertrasformare Smat spa in Ente di diritto pubblico, mettendo così l’acqua ...


Diamo una mano a Milano!

I giovani per Pisapia: questa l'iniziativa partita dal Comitato Piero Fassino Sindaco, Partito Democratico, Italia dei Valori, Sinistra ecologia e libertà, Rete Universitaria Nazionale, Federazione degli Studenti, Fondazione Benvenuti in Italia, Giovani Democratici Torino. "Sabato 21 maggio Andiamo a Milano per sostenere Pisapia nella sua battaglia, perchè crediamo fortemente che abbia rilevanza nazionale e aver vinto a Torino in questo modo ci permette di sperare in una premessa di rivalsa del buon governo in tutta italia. Possiamo ricorstruire un'Italia unita, cancellando anni di divisioni: dopo Torino, Milano!", dice Diego Sarno, assessore a Nichelino La ...


Non spegnere Torino – Max Casacci (Subsonica) intervista Piero Fassino

Di seguito, il testo dell'intervista Max Casacci intervista Piero Fassino sulla Torino della notte, sulla città giovanile e sulla tutela degli spazi Sappiamo tutti che negli ultimi anni Torino ha subito delle trasformazioni radicali a tutti i livelli. Alla base della trasformazione culturale e dello spirito della città c’è l’attività dei settori giovanili che hanno trasformato questa città e l’hanno resa capitale dei giovani in Italia - anche molto attrattiva per i giovani di mezza Europa. Alcuni tra questi protagonisti temono che un sindaco non testimone diretto di questa trasformazione degli ultimi anni e non più giovanissimo possa rappresentare il rischio ...


ISTRUZIONI PER IL VOTO

ELEZIONI NEI COMUNI CON POPOLAZIONE SUPERIORE A 15.000 ABITANTI (SCHEDA AZZURRA) La scheda reca i nomi e i cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o delle liste con cui il candidato è collegato. L’elettore può votare: • per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito anche al candidato sindaco collegato; • per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, non scegliendo alcuna lista collegata; il voto così espresso si intende attribuito solo al candidato alla carica ...


Torino Capitale di Cultura

Alla Fabbrica delle 'e' in Corso Trapani 91/b, il 2 maggio parliamo di Torino Capitale di Cultura insieme a Fiorenzo Alfieri, Assessore alla Cultura del Comune di Torino e Angela La Rotella, Dirigente Settore Spettacolo, Manifestazioni e Formazione Culturale del Comune di Torino. Modera Davide Mattiello


Il coordinamento di Libertà e Giustizia di Torino si associa al documento di Benvenuti in Italia sulla questione La Ganga

Il coordinamento di Libertà e Giustizia di Torino si associa al documento di Benvenuti in Italia sulla questione La Ganga. Di seguito il testo del comunicato ufficiale: "Anche Libertà e Giustizia di Torino aderisce alle idee e alle posizioni espresse da Benvenuti in Italia. L'inserimento di persone con precedenti o pendenze penali nelle liste elettorali è una scelta che mostra scarsa capacità di ascolto verso un'istanza prioritaria, perentoria e altamente simbolica  di una parte significativa dell'opinione pubblica. Essa  ci trova radicalmente contrari" Libertà e Giustizia Torino


Lettera aperta di Davide Mattiello: cercasi candidato per il Comune di Torino, cercasi un po’ di coraggio!

Siamo a Novembre, si vota a Maggio: non si sa ancora tra chi. L'inquietudine di Torino aumenta. Le forze del centro sinistra si scrutano pacatamente diffidenti e confliggenti. A chiedere a costoro di tirare fuori i nomi del/dei candidati Sindaco e magari della squadra di giunta, ci si sente argomentare che non è questione di nomi, ma di programmi, di visioni sulla città. E invece no. E' questione di nomi, per un motivo semplice e fondamentale. Nel precipizio grottesco della politica italiana, i cittadini restano aggrappati intelligentemente ad una parola, che non è magica, ma è quella dalla quale ripartire: credibilità. Come a dire: “A parole son bravi ...