4 dicembre 2013

Mensa liberata

mensa

 

 

di Camilla Cupelli

 

Nella giornata di lunedì Davide Mattiello si è recato alla mensa occupata di Via Principe Amedeo a Torino, gestita dagli studenti universitari torinesi che hanno scelto questo luogo come simbolo delle problematiche legate al mondo universitario, in particolare in materia di diritto allo studio. La politica ha incontrato i ragazzi nella figura di diversi esponenti della Giunta Comunale, Regionale, ed anche alcuni parlamentari, tra i quali appunto Davide Mattiello.

 

La Regione Piemonte è, secondo gli studenti, emblematica per quanto riguarda il problema dell’accesso al sapere: da fiore all’occhiello del nostro Paese, è entrata a far parte delle Regioni che erogano meno fondi in materia di diritto allo studio. I tagli all’EDISU, l’Ente per il Diritto allo Studio Universitario piemontese, hanno lasciato moltissimi studenti, seppur idonei, senza borse e senza alloggi.

 

I temi rivendicati dagli studenti si muovono su tre filoni: i tagli economici all’ente, la modifica dei criteri per il DSU, che interpreta in modo ambiguo una norma nazionale, e il rapporto con i fondi europei. Di questi temi si è discusso informalmente con l’On. Mattiello durante l’incontro, per cercare di trovare un’intesa sul tema.