15 novembre 2011

Il 22 Novembre si insedia l’Assemblea Costituente Tunisina

ISIE, comitato elettorale della Tunisia, ha annunciato la data di iniziodell’assemblea nazionale costituente, a lungo atteso. L’assemblea nazionale costituente sarà convocata il 22 novembre prossimo per la sua prima riunione. L’appuntamento è nel palazzo dell’ex parlamento di Tunisi.

I risultati finali delle elezioni saranno annunciati lunedì, 14 novembre dal presidente Kamel Jendoubi.

La data della prima riunione è stata decisa in una riunione tra il presidente ad interim Foued Mebazaa e i dirigenti dei principali partiti rappresentati nell’assemblea. Mebazza firmerà un decreto di convocazione dell’assemblea che definirà anche le “procedure” da seguire per la prima seduta. Il decreto sarà pubblicato dopo la proclamazione dei risultati ufficiali del voto.

Nel frattempo, i tre maggiori partiti Ettakatol, Ennahda, e il Congresso per la Repubblica continuano a discutere per la formazione di ciò che hanno definito un “governo di unità nazionale” per sostituire il governo ad interim. Tale alleanza, senza dubbio sarà molto potente nell’Assemblea Costituente.

Mercoledì 9 novembre le parti hanno annunciato la costituzione di tre comitati per affrontare le procedure del Costituente, le riforme politiche, e la vita sociale ed economica.

 

Il partito Aridha Chaabia guidato da Hachimi Hamidi, nativo di Sidi Bouzid, sembra essere in via di emarginazione nella futura assemblea costituente, pur vincendo 26 seggi, ottenendo il terzo posto nelle elezioni del 23 ottobre. Diversi partiti dicono che non lavoreranno con Aridha, mentre Ennahda dichiara di non avere ancora aperto le trattative con il partito.

“Se si rifiutano di parlare con noi, guideremmo l’opposizione all’interno dell’Assemblea Costituente”, ha detto Hamidi.

Il partito Ettakatol è profondamente diffidente verso Aridha.  Mohamed Benour, portavoce di Ettakatol, ha detto ” Rifiutiamo di trattare con Al Aridha, semplicemente perché non ci fidiamo di loro. Abbiamo il sospetto che hanno a che fare con persone di regime di Ben Ali. “

“Noi non lavoreremmo ne con Aridha  ne con chi collabora con loro, non sappiamo nulla di loro background” ha detto Arbi Jlassi del partito Congresso per la Repubblica (CPR), guidato dal popolare Moncef  Marzouki.  

Il rifiuto generale di Aridha Chaabia è iniziato quando la commissione elettorale ha invalidato otto seggi vinti da Aridha Chaabia sulla base di violazioni di finanziamento della campagna elettorale. La corte amministrativa tunisina ha recentemente reintegrato sette di questi posti, e la commissione elettorale ha detto che rispetterà la sentenza.

La questione cruciale per Aridha è se Ennahda sia disposto a lavorare con loro. La risposta finora sembra di essere no.

 Fonte: Tunisia Live