7 novembre 2011

I mercati bocciano l’Italia: btp al 6,6%. E’ allarme rosso.

Vola al nuovo record storico lo spread tra i titoli di Stato italiani e i bund decennali tedeschi: 491 punti, con un’improvvisa accelerata al momento dell’apertura di Piazza Affari e un ripiegamento poco dopo a 484. Segnale che gli investitori stranieri non credono più nel Paese e continuano a venderne le obbligazioni: il rendimento dei titoli di Stato è salito al 6,6%, sempre più vicino alla soglia critica del 7%. Ma la situazione preoccupa ancora di più se paragonata a quella degli altri Paesi dell’area periferica: ormai i titoli italiani rendono 100 punti base in più di quelli spagnoli che anche nel momento più difficile della crisi non hanno mai superato la soglia del 6,3%. 

Insomma a modo loro i mercati ribadiscono il problema di credibilità dell’Italia e del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, già paventato ieri dal ministro degli esteri francese Alain Juppé 1 e prima, alla fine del G20, dal direttore generale del Fmi Christine Lagarde.

Fonte: La Repubblica