2 Febbraio 2019

Sì a un Piemonte senza Mafia e corruzione!

Il manifesto promosso da Sergio Chiamaparino è un’ottima piattaforma dalla quale partire per articolare il futuro che vogliamo per il nostro Piemonte. C’è un “Sì” che sta tra le pieghe del manifesto, che è bene far sbocciare in tutta evidenza: “SI” ad un Piemonte senza mafia e corruzione! Perché mafia e corruzione sono ancora il principale fattore di diseguaglianza sociale nel nostro Paese e purtroppo le più recenti inchieste (da Barbarossa a Geenna, passando per Sanitopoli) dimostrano che sono attuali il rischio e il danno anche per il nostro territorio. Cosa può fare la Regione per realizzare questo “SI”? Dare impulso all’utilizzo ...


29 Gennaio 2019

Il Balon di tutti e per tutti

Purtroppo, nella seduta del Consiglio Comunale di lunedì 28 gennaio 2019, è andata in scena l’ennesima puntata di un triste storytelling: il mercato di libero scambio come offesa al decoro della Città, come provocatoria disobbedienza, contro la fermezza dell'Amministrazione comunale, che vuole Il Barattolo fuori dal perimetro del centro storico. Prendiamoci un po’ di tempo per ricostruire questa storia. Borgo Dora, il Balon, il Maglio, il perimetro largo di Porta Palazzo sono da sempre luoghi di arrivo e di scambi: lo sanno i torinesi da generazioni che sanno ancora pronunciare “il merca' d'le pate e dei pui” (degli stracci e delle pulci), ...


23 Gennaio 2019

Riunito l’osservatorio nazionale per l’edilizia scolastica

Si è riunito il 23 gennaio a Roma, l’osservatorio nazionale per l’edilizia scolastica. Era di fatto la prima riunione da quando si è insediato il nuovo Governo, se si esclude un rapido aggiornamento avvenuto il 22 novembre al quale, per ovvie ragioni, non avevamo potuto partecipare. Invece a questo appuntamento non potevamo né volevamo mancare, insieme a tutte le altre realtà che compongono il tavolo (Anci, Upi, Regioni, Mef, infrastrutture, Inail, Cittadinanzattiva, Legambiente e Save The Children). È stata l’occasione per fare il punto sulle azioni previste in merito alla messa in sicurezza delle scuole e gli interventi di nuova edilizia. Molte ...


21 Gennaio 2019

Per la pace, quindi per l’Europa

Quando diciamo che il nostro primo impegno sarà quello di salvare l’Europa da chi la vuole liquidare, diciamo una cosa sacrosanta, che rischia però di essere fraintesa. Ci sono tante persone che hanno sofferto più di altre in questi anni la crisi economica e che attribuiscono all’Europa la responsabilità di questa ingiusta sofferenza. C’è chi fa coincidere l’Unione europea con il blocco di interessi liberisti che ha fatto della globalizzazione del mercato una opportunità soltanto per alcuni e una maledizione per tanti altri, oltre che per l’ambiente. Insomma: il paradosso di questo tempo è che a dire “Europa” si passi ...


21 Gennaio 2019

La Repubblica incompiuta. Il video.

https://www.youtube.com/watch?v=M_EBXRTAQ8U Repubblica, Costituzione, Democrazia sono corpi vivi che si aggiornano e modificano col tempo. Si tratta quindi di categorie sempre "incompiute". Con Luciano Violante e Davide Mattiello, sabato 19 gennaio 2019 abbiamo aperto la scuola di formazione politica "Conoscere per Decidere" in collaborazione con italiadecide.


20 Gennaio 2019

La necessità di un’etica pubblica

Etica, politica, giustizia. Il problema dei doveri 16 Febbraio, ore 10:00 – 13:00 Secondo appuntamento del ciclo "Conoscere per decidere" in collaborazione con  italiadecide Coordina: Francesca Rispoli – Fondazione Benvenuti in Italia Interventi: Alberto Vannucci – Università di Pisa Lucio Picci – Università di Bologna Gian Carlo Caselli – ex magistrato   Dall'introduzione del libro "Lo zen e l’arte della lotta alla corruzione" di di Lucio Picci e Alberto Vannucci   […] Per raggiungere un obiettivo di conoscenza, nello Zen ci si deve distanziare da esso, per guardare altrove e, in un certo senso, scartare di lato. E così, per lottare contro la corruzione noi sosteniamo che sia utile, anzi, indispensabile, fare ...


8 Gennaio 2019

Video: intitolazione aula “Ventidue novembre”

A perenne ricordo della tragedia che nel 2008 colpì Vito Scafidi, il liceo Darwin di Rivoli ha intitolato l'aula del crollo "Ventidue novembre" data del crollo che gli costò la vita. L'intitolazione è avvenuta il 10 gennaio 2019 alla presenza del Ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti. https://www.youtube.com/watch?v=_8FnV2xiDdc


8 Gennaio 2019

La Repubblica incompiuta

inciampi, slanci e urgenze Quest’anno la nostra Scuola di Politica incontra l’associazione italiadecide con la quale organizza un ciclo di incontri dal titolo "Conoscere per decidere", sui temi della democrazia partecipata, dell’etica pubblica e dell’Unione Europea. Sabato 19 gennaio Davide Mattiello e Luciano Violante apriranno il ciclo di incontri con il primo appuntamento dal titolo “La Repubblica incompiuta: inciampi, slanci e urgenze”. Dall'eccidio di Portella della Ginestra, alle mancate riforme degli ultimi anni; passando dalla sconfitta del terrorismo, alle stragi mafiose del 92/93; fino alla costruzione dell'Unione Europea e l'ascesa dei populismi. Il dibattito si terrà a Binaria - Centro Commensale di via ...


8 Gennaio 2019

Darwin: Intitolazione dello spazio “Ventidue Novembre”

10 gennaio 2019 Il Consiglio di Istituto del Liceo Darwin di Rivoli ha deliberato di intitolare l'aula del drammatico crollo "Ventidue Novembre": sarà uno spazio aperto, destinato a tutti gli studenti, in cui potranno svolgere attività di studio individuale e attività extracurriculari. La cerimonia di intitolazione avrà luogo giovedì 10 gennaio 2019 alle ore 11, alla presenza del Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, dott. Marco Bussetti Programma: Ore 11.00 accoglienza nella Sala del Vescovo Giulia Spinelli canta l’Inno d’Italia accompagnata dalla flautista Alessia Toja, entrambe nostre studentesse Saluto di benvenuto del Dirigente scolastico Elena Sorrisio Interventi: - Sindaco di Rivoli Franco Dessì - Sindaco della Città Metropolitana di ...


7 Gennaio 2019

Online il XIII quaderno!

  È online il 13esimo quaderno di Benvenuti in Italia. L'elaborato si concentra sulla minoranza religiosa più popolosa in Italia: quella ortodossa e in particolare quella ortodossa romena. Si tratta dunque di uno strumento di conoscenza e lettura di una delle minoranze religiose che socialmente e culturalmente contribuiscono ad animare il panorama di super-diversità dell’Italia del III millennio, fotografando il passaggio culturale e sociale dalla comunità di ortodossi romeni in Italia a quella di ortodossi romeni d’Italia. Attraverso un percorso di ricerca sul campo, a Torino e a Roma, grazie al laboratorio “Vivere le religioni” organizzato dal Centro Interculturale della città di Torino dal ...